<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1126676760698405&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Trasformazione digitale e transizione energetica

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on email
Trasformazione digitale e transizione energetica
Accedere a nuove fonti di energia è una necessità prioritaria per la maggior parte delle aziende alla scala globale, ma solo la metà sta già investendo in una strategia per la digitalizzazione della propria transizione energetica

Trasformazione digitale e transizione energetica.

Per sostituire le fonti energetiche è necessario investire ancora di più nella digitalizzazione. È quanto emerge dal rapporto “The intersection of digital transformation and the energy transition”, condotto da S&P Global Market Intelligence per conto di Eaton – società specializzata leader globale nella gestione intelligente dell’energia.

Trasformazione digitale e transizione energetica: un migliaio di aziende coinvolte

Lo studio ha coinvolto 1.001 aziende attive in Nord America, Europa e Medio Oriente, impegnate nella trasformazione digitale in quattro settori critici per l’energia: edifici residenziali e commerciali, data center, industriale e utility.

Oltre il 77% delle aziende intervistate in ogni parte del mondo si pone infatti l’obiettivo di passare a fonti di energia diverse da quelle attualmente in uso. La principale criticità consiste nel tracciamento delle principali metriche legate a sostenibilità e intelligence energetica: se ne occupa infatti meno di un terzo delle aziende, e solo il 17% è dotata di sistemi che abilitano la digitalizzazione.

Trasformazione digitale e transizione energetica: Italia in prima fila

Le aziende italiane sono più impegnate nella transizione energetica: si tratta dell’81%, di cui il 44% ha già intrapreso il percorso, mentre il 37% ritiene che il cambiamento richiederà ancora tempo per essere completato. Il 52% delle aziende italiane ha già messo in atto una strategia digitale dedicata, mentre il 46% è ancora in fase di valutazione. Ma anche nel nostro Paese il tracciamento è attuato da meno di un terzo delle aziende, e il 20% utilizza soluzioni digitalizzate.

Lo studio evidenzia la lacuna fra trasformazione digitale e transizione energetica, sottolineando la possibilità di avanzare in entrambe: «Le aziende hanno bisogno di muoversi molto più velocemente in materia di trasformazione digitale – dichiara Aravind Yarlagadda, Executive Vice President and Chief Digital Officer di Eaton. Il rapporto richiama l’attenzione sulle opportunità di investimento per ottenere un impatto migliore».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

css.php

Benvenuto!

Accedi al tuo account

Non sei ancora registrato?