<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1126676760698405&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Se l’ambiente finisce sugli scaffali: il category management sostenibile

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on email
category management sostenibile
Nei punti vendita si può riporre massima attenzione all’ambiente. Parola di P&G, al timone di un progetto – il Category management sostenibile - che sfocia in una nuova disciplina per cui la sostenibilità è al centro delle azioni e del modo di operare di aziende, distributori e consumatori

Se l’ambiente finisce sugli scaffali: il category management sostenibile.

Nell’ambito dei prodotti a largo consumo è sempre più forte il bisogno di un cambiamento di approccio da parte di produttori e dei punti vendita per coniugare la sostenibilità ambientale, sociale ed economica e permettere all’industria, al distributore e al consumatore di fare scelte sempre più responsabili. La soluzione a questa necessità arriva da Procter & Gamble, con l’istituzione del category management sostenibile (Cms), un nuovo approccio scientifico, basato sull’analisi del ciclo di vita dei prodotti di largo consumo. Scopo è fornire, da un lato, alle aziende strumenti concreti e analisi per rendere la sostenibilità un cardine della competitività e elemento centrale nel proprio modo di operare, mentre, dall’altro, ai consumatori, informazioni utili per essere maggiormente consapevoli dell’impatto ambientale dei prodotti di uso quotidiano.

Il nocciolo è analizzare il ciclo di vita del prodotto, quindi calcolarne in modo analitico e sistematico l’impronta ambientale e sociale, a partire dalle fasi di estrazione delle materie prime passando alla produzione, alla distribuzione, all’uso e allo smaltimento, per capire dove intervenire con azioni migliorative.

«Con il category management sostenibile» – ha spiegato Paolo Grue, presidente e amministratore delegato di P&G Italia – «proponiamo di evolvere uno strumento di business mirato alla sostenibilità economica a un approccio che ne integri la sostenibilità ambientale e sociale. È una nuova disciplina che può essere utilizzata in qualsiasi settore merceologico e che propone pochi punti fermi: un metodo scientifico che parte dal life cycle assessment, la metodologia più solida per calcolare l’impatto ambientale; l’intenzionalità nel conseguire risultati misurabili in ottica di categoria nell’area economica e ambientale/sociale; la volontà di educare i consumatori, ma anche il personale commerciale, sui comportamenti sostenibili per le specifiche categorie».

 

I protagonisti

Promotore del progetto è la filiale italiana di Procter & Gamble, multinazionale i cui prodotti sono utilizzati da circa 5 miliardi di persone in 150 Paesi nel mondo. L’iniziativa è parte di “P&G per l’Italia”, il programma con cui l’azienda si impegna in concreti progetti di sostenibilità ambientale e sociale in Italia.

L’iniziativa del CMS è stata sviluppata grazie alla collaborazione della scuola superiore Sant’Anna, Sda Bocconi, Wwf Italia ed EIIS – european institute for innovation and sustainability.

«La sostenibilità, ambientale e sociale» – ha dichiarato Paolo Grue – «fa parte del nostro Dna, ma sappiamo anche che su un tema così complesso è fondamentale un impegno orchestrato che faccia leva su competenze ed esperienze diverse. Per questo motivo abbiamo cercato l’aiuto e la collaborazione di alcune delle eccellenze del mondo accademico scientifico, economico e ambientalistico».

 

Il gap con il category management

La “versione sostenibile” del category management punta i riflettori sulla responsabilità di industria e distribuzione nella riprogettazione dei prodotti e dei punti vendita, nonché a educare i consumatori nel fare scelte di acquisto e consumo più sostenibili.

Al processo tradizionale si aggiungono l’identificazione degli hotspot più rilevanti della categoria, l’individuazione delle azioni in grado di ridurre gli impatti ambientali e sociali e di far crescere il business, nonché la misurazione delle azioni a partire dai modelli life cycle assessment (Lca).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

css.php