Home Grandi imprese

Grandi imprese

Idrogeno certificato

Idrogeno certificato

Una risorsa che, almeno in Italia, paga un certo ritardo rispetto ad altri Paesi europei: Olanda, Regno Unito e Germania. Gli operatori si sono mossi con cautela in attesa di conferme da parte del mercato e di un piano generale di sostegno. Ora però si è oltrepassato il punto di non ritorno, come spiega Diego De Rosa (nella foto) product manager "Idrogeno" di Kiwa Italia
Pompe di calore

Pompe di calore: una tecnologia in prima linea

Il PNIEC italiano prevede una riduzione dei consumi al 2030 pari al 43% dell’energia primaria e al 39,7% di quella finale. E questo è possibile solo con un massivo intervento di riqualificazione energetica degli edifici esistenti. Le pompe di calore possono essere uno strumento efficace per raggiungere lo scopo, come spiega Baxi Spa
TÜV Italia

TÜV Italia: lungo un cammino complesso

Un ente di certificazione con un obiettivo chiaro: consentire il progresso tutelando le persone, l'ambiente e le risorse dai rischi connessi alla tecnologia. Oggi Tüv italia deve assolvere il compito di supportare le aziende nel percorso di transizione verso la sostenibilità
Decarbonizzazione

Sulla decarbonizzazione, Italia da podio

Con Deloitte, che ha condotto diversi studi sul tema, abbiamo analizzato lo scenario, contraddistinto sempre più dallo spostamento del mix energetico dai combustibili fossili alle energie rinnovabili.
Risparmiare acqua

Risparmiare acqua, colorando i tessuti

Depurazione come pre-condizione al riutilizzo industriale. Non si tratta solo di un dovere verso l’ambiente, ma anche di una strategia per migliorare l’efficienza produttiva, riducendo contemporaneamente i costi connessi all’utilizzo di risorse naturali. Da Benetton un’esperienza interessante come caso studio applicabile anche in altri ambiti
Fotovoltaico e biogas

Fotovoltaico e biogas: la manutenzione fa la differenza

Nei due ambiti, questo tipo di attività sta facendo passi da gigante, grazie soprattutto allo sviluppo delle tecnologie digitali e all’offerta di servizi innovativi che garantiscono un controllo in tempo reale delle prestazioni degli impianti. Lo testimonia Massimo La Gioia, amministratore delegato di LT Rinnovabili
Mobilità elettrica

Mobilità elettrica: servono le infrastrutture

La sensibilità al tema è di sicuro aumentata negli ultimi anni e a esprimerla sono sia le aziende sia i consumatori privati. Ma mentre l’Europa corre, l’Italia insegue. I motivi li spiega Gaetano Belluccio, managing director e-mobility di FIMER. Come recuperare terreno? Rendere più veloce ed economico il “rifornimento”. E aumentando la capillarità dei punti di ricarica. Senza dimenticare l’ambito domestico
Ricariche elettriche

Ricariche elettriche: multiutility che vanno oltre

Come è possibile far evolvere lo sviluppo della mobilità elettrica nei diversi comuni italiani, da Nord a Sud, in modo che l’acquisto di un veicolo a zero emissioni possa essere una scelta comoda e premiante? La risposta più ovvia è: incrementando la presenza di infrastrutture di ricarica. Ma chi se ne deve occupare? Un esempio virtuoso è rappresentato da una delle principali realtà italiane del settore: Acea
Fotovoltaico evoluzione

Fotovoltaico: un settore in continua evoluzione

Fotovoltaico: è un settore in continua evoluzione. Le tecnologie legate agli impianti rinnovabili cambiano, infatti, in modo veloce. Per questo, chi decide di ricorrere a questo tipo di fonte energetica deve accertarsi di trovarsi di...
Auto ricaricabili in crescita

Auto ricaricabili in crescita: lo segnala l’osservatorio di ANFIA

Ormai è una tendenza affermata: le vendite dei mezzi cosiddetti “eco friendly” sono in crescita. Il dato emerge evidente dal focus di Anfia riferito al 2020 e confermato dalle indicazioni riferite al primo semestre 2021. Ma l’anello debole di questa catena è di tipo infrastrutturale, come spiega Gianmarco Giorda, direttore dell’associazione che rappresenta la filiera dell’industria automobilistica. Sia per l’elettrico sia per il gas i punti di ricarica e rifornimento sono ancora insufficienti ai nuovi fabbisogni
css.php