<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1126676760698405&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Biometano: il primo impianto in Italia taglia il traguardo

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on email
Biometano impianto in Italia
L'unità è firmata Air Liquide, top player mondiale dei gas, delle tecnologie e dei servizi per l’Industria e la sanità e ha sede a Truccazzano (MI)

(Biometano: il primo impianto in Italia taglia il traguardo)

A Truccazzano, piena campagna a sud-est di Milano, è visibile dalla vecchia strada Rivoltana l’impianto Air Liquide per la produzione di biometano, il primo in Italia, frutto di un investimento da 10 milioni di euro. La sua inaugurazione è avvenuta lo scorso 16 settembre.

Air Liquide ha capito come utilizzare gli scarti agricoli e zootecnici, nello specifico le deiezioni bovine e avicole, per produrre biometano. Si tratta di un combustibile in grado di alimentare camion impiegati per trasporti e, al contempo, realizzare un fertilizzante innovativo che aumenta il valore biologico dell’agricoltura.

Una produzione circolare

Biometano impianto in Italia
GianLuca Cremonesi, direttore generale di Air Liquide Biogas Solution Italy

GianLuca Cremonesi, direttore generale di Air Liquide Biogas Solution Italy ha spiegato quest’operazione parlando di “un giro e mezzo di circolarità”. «L’allevamento del bestiame restituisce latte e carne, importanti prodotti per tutta la comunità. Andando anche a riutilizzare i loro scarti, principalmente liquami, per produrre biometano liquido, alimentando quindi in modo sostenibile camion, ma anche prodotti fertilizzanti all’avanguardia, è chiaro come si vada ben oltre il concetto di circolarità, ottenendo molto di più».

Il biometano è considerato un carburante pulito in grado di ridurre le emissioni di particolato fine fino all’85%, le emissioni di CO2 del 90% e l’inquinamento acustico fino al 50% rispetto al diesel.

 

L’impianto

Le materie prime provenienti dalle aziende agricole limitrofe finiscono nel digestore dell’impianto Air Liquide al fine di produrre biogas che viene purificato in biometano e quindi liquefatto per essere utilizzato come combustibile, contribuendo quindi alla decarbonizzazione del settore dei trasporti. Vengono utilizzate 150 tonnellate di liquame ogni giorno per trasformarlo in biometano per autotrazione, consentendo di rifornire più di 40 camion al giorno.

Inoltre, l’impianto è dotato di una tecnologia specifica che purifica il digestato, un sottoprodotto della produzione del biometano, che può essere poi utilizzato come fertilizzante dagli agricoltori per aumentare la qualità dei terreni.

Clicca qui per iscriverti alla newsletter di Transizione ecologica Italia: è gratis

 

I prossimi passi

Biometano impianto in Italia
Un momento dell’inaugurazione

La direzione di Air Liquide è netta: entro l’anno sono previste altre due inaugurazioni di impianti Air Liquide sul territorio bergamasco, precisamente a Fontanella e a Covo e, nel prossimo lustro, ci saranno ulteriori sviluppi. A livello globale, il Gruppo conta oggi 22 unità di produzione di biometano nel mondo per una capacità produttiva annua di 1,6 TWh.

Con il suo partner “impiantistico” Dis – Dentro il sole, Air Liquide è top player mondiale dei gas, delle tecnologie e dei servizi per l’Industria e la sanità ed è presente in 75 paesi con circa 66.400 collaboratori e oltre 3,8 milioni di clienti e pazienti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

css.php

Benvenuto!

Accedi al tuo account

Non sei ancora registrato?